Passa ai contenuti principali

Milleproroghe 2012: diventa legge

28.02.2012 – Per Milleproroghe si intende generalmente il decreto legge (e, quindi, per definizione provvedimento provvisorio e che dovrebbe essere utilizzato solo in caso di necessità ed urgenza) volto a prorogare disposizioni urgenti, normalmente alla fine dell’anno.

Pur trovando fondamento in una misura eccezionale, il Milleproroghe è stato utilizzato in maniera continuativa dal Governo a decorrere dal 2005 al 2011.

Anche l’anno 2012 non fa eccezione: il Milleproroghe 2012 è stato convertito in legge (l.n. 14 del 24.02.2012, denominata “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 dicembre 2011, n. 216, recante proroga di termini previsti da disposizioni legislative. Differimento di termini relativi all’esercizio di deleghe legislative”) con relativa pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 48 del 27.02.2012 e con 366 voti favorevoli e appena 61 contrari.

A seguito del rituale percorso parlamentare, necessario ai fini della conversione in legge del decreto (il quale, quindi, da provvisorio diventa definitivo) i cambiamenti più significativi, del settore giuslavoristico, tra il vecchio testo del decreto e quello della nuova legge, sono i seguenti:

  • Lavoratori precoci: assenza di penalizzazioni per i lavoratori che potranno andare in pensione con oltre 42 anni di contributi ed un età inferiore ai 62 anni, almeno fino al 2017;
  • Lavoratori esposti all’amianto: Prorogati i benefici previdenziali per i lavoratori esposti all'amianto, con risorse assunte dall’aumento delle accise e del costo dei tabacchi e delle sigarette;
  • Scuola: pur rimanendo chiuse le graduatorie, viene inserita una fascia aggiuntiva alle graduatorie in esaurimento entro l’anno scolastico 2012/2013 dei docenti abilitati tra gli anni 2008 e il 2011;
  • Pensioni genitori con figli disabili: La riforma non si applicherà ai lavoratori che, al 31 ottobre 2011, risultano essere in congedo per assistere figli con disabilità grave. Ciò, però, a condizione che maturino, entro 24 mesi dalla data di inizio del predetto congedo, il requisito di anzianità contributiva non inferiore a 40 anni;
  • Social card: Ritorna la social card, con l’utilizzo di nuovi strumenti di pagamento;
  • Esodati: Coloro che hanno cessato il rapporto entro il 31.12.2011, potranno andare in pensione con il vecchio accordo. Rimangono senza tutela, invece, gli esodati che hanno cessato l’attività lavorativa a decorrere dal 01.01.2012;
  • Sfratti: Viene differita al 31 dicembre 2012 l'esecuzione degli sfratti relativi a alle categorie sociali disagiate;

E’, infine, stata soppressa la sanatoria sulle affissioni di manifesti dei partiti.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu

FORMULARIO: MODELLO DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO T.F.R.

Modello decreto ingiuntivo per il processo del lavoro per recupero TFR (trattamento di fine rapporto) TRIBUNALE DI ... Sezione lavoro e previdenza Ricorso per decreto ingiuntivo Per il Signor Tizio nato a ..., il ..., residente in ... c.f. ... rappresentato e difeso dall'Avv. ... presso il quale è elettivamente domiciliato in ... come da delega a margine al atto, con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di Cancelleria a mezzo fax all'utenza n. ... ovvero a mezzo posta elettronica certificata all'indirizzo pec: ... Ricorrente Contro La società ..., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in ..., alla via ..., n. ... Resistente Premesso - L'istante è stato dipendente della società resistente dal ... al ..., epoca in cui veniva licenziato; - Il ricorrente, all'atto del licenziamento, ha maturato un credito al trattamento di fine rapporto (T.F.R.) per Euro ..., non versati dal datore di lavoro;