Passa ai contenuti principali

CASSAZIONE CON RINVIO - RIFIUTO DELL'ACCERTAMENTO - CONSEGUENZE - CASS. SEZ. LAV. SENT. N. 3186 DEL 01.03.2012

Svolgimento del processo

S.S. chiedeva al Pretore del lavoro di Napoli di dichiarare l'illegittimità del licenziamento intimatogli dalla G.S. s.p.a. il 17.1.1998. Al S., addetto presso il punto vendite Supersconto di (OMISSIS), veniva contestato di avere prestato attività a favore di altro esercizio, allorchè era assente per malattia.

Il Tribunale di Napoli rigettava la domanda, posto che non era stata dimostrata la tempestiva impugnazione del recesso (il documento prodotto-originale del telegramma consegnato all'ufficio postale - non risultava sottoscritto dal ricorrente).

La Corte di appello con sentenza del 25.3.2004 rigettava l'appello del S. sulla base delle medesime considerazioni.

Su ricorso in cassazione del S. la Corte suprema con sentenza del 6. ottobre.2008 annullava la decisione di appello con rinvio osservando che, anche se il lavoratore non aveva dato la prova di aver sottoscritto l'originale del telegramma consegnato all'ufficio postale di impugnazione del recesso, la Corte territoriale avrebbe dovuto compiere indagini su altri due elementi rilevanti per accertare la contestata tempestiva impugnazione del licenziamento e cioè se il lavoratore avesse consegnato personalmente l'originale del telegramma o fatto consegnare da altri soggetti da lui incaricati il detto originale.

La Corte di appello con sentenza del 4.2.2010 in sede di rinvio rigettava l'appello ed osservava che non poteva darsi corso alle prove richieste in quanto nel ricorso introduttivo non era stato offerto alcun elemento idoneo in ordine alle circostanze che si chiedeva di provare in appello. In primo grado non si era replicato in ordine alle eccezioni di controparte, nonostante l'invito rivolto dal giudice di prime cure. Solo in appello, e quindi tardivamente, si era richiesto di provare per testi la consegna dell'originale del telegramma da parte dello stesso ricorrente.

Propone ricorso in cassazione il S. con tre motivi: resiste la G.S. spa con controricorso; il S. ha prodotto memoria difensiva.

Motivi della decisione

Con ìl primo motivo si allega la violazione e falsa applicazione del disposto di cui all'art. 384 c.p.c.: la Corte territoriale non aveva compiuto l'accertamento chiaramente indicato al giudice del rinvio.

Con il secondo motivo di allega la violazione e falsa applicazione del disposto di cui agli artt. 384 e 394 c.p.c., nonchè degli artt. 112 e 115 c.p.c.: la prova rifiutata dalla Corte territoriale era stata formulata in sede di riassunzione con chiaro riferimento a quanto indicato dalla Corte di cassazione.

Con il terzo motivo si deduce la violazione e falsa applicazione del disposto di cui agli artt. 115, 244 e 245 c.p.c., e per quanto di ragione dell'art. 394 c.p.c.; la prova richiesta non presentava alcun profilo di inammissibilità, essendo del tutto circostanziata.

I tre motivi vanno esaminati congiuntamente essendo tra loro connessi ed appaiono fondati.

La sentenza del 6. ottobre 2008 di questa Corte nel cassare con rinvio ha affermato il seguente principio di diritto: "con riguardo all'impugnazione stragiudiziale del licenziamento, ai sensi e per gli effetti di cui alla L. n. 604 del 1966, art. 6, nel caso di dichiarazione a mezzo telegramma ex adverso contestato, il giudice dopo aver accertato che il lavoratore non ha dato prova di aver sottoscritto l'originale consegnato all'ufficio di partenza, deve compiere indagine anche circa la sussistenza delle ulteriori due ipotesi previste dall'art. 2705 c.c. (aver consegnato personalmente o fatto consegnare l'originale del telegramma all'ufficio postale di partenza) la cui sussistenza comunque legittimerebbe l'efficacia probatoria del telegramma ed impedirebbe la decadenza dell'impugnazione". Il Giudice del rinvio doveva pertanto compiere il detto accertamento, chiaramente ed univocamente indicato dalla Corte, ma non l'ha fatto in quanto ha ritenuto che le prove non fossero state indicate nel ricorso introduttivo.

La giurisprudenza di questa Corte ha peraltro precisato che qualora la Corte di legittimità nel cassare con rinvio enunci il principio di diritto ed affidi il relativo accertamento di fatto al giudice del rinvio, questi non può rifiutare l'accertamento ritenendo la relativa istanza non ritualmente formulata nelle precedenti fasi di merito. La pronuncia della Corte preclude infatti il nuovo esercizio della discrezionalità giudiziale circa l'ammissibilità delle prove dedotte nelle fasi processuali precedenti e permette anzi alla parte una nuova e migliore formulazione dell'istanza (Cass. 21 aprile 2005, n. 8357; Cass. n. 11491/92). La Corte territoriale non doveva compire una nuova valutazione della tempestività della prova. Pertanto va accolto il ricorso e va cassata la sentenza impugnata con rinvio alla Corte di appello di Napoli che si atterrà al principio di diritto già formulato nella precedente decisione di questa Corte del 2008, e pronuncerà in diversa composizione, anche per le spese.

P.Q.M.

La Corte:

Accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata con rinvio alla Corte di appello di Napoli, anche per le spese.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu

FORMULARIO: MODELLO DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO T.F.R.

Modello decreto ingiuntivo per il processo del lavoro per recupero TFR (trattamento di fine rapporto) TRIBUNALE DI ... Sezione lavoro e previdenza Ricorso per decreto ingiuntivo Per il Signor Tizio nato a ..., il ..., residente in ... c.f. ... rappresentato e difeso dall'Avv. ... presso il quale è elettivamente domiciliato in ... come da delega a margine al atto, con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di Cancelleria a mezzo fax all'utenza n. ... ovvero a mezzo posta elettronica certificata all'indirizzo pec: ... Ricorrente Contro La società ..., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in ..., alla via ..., n. ... Resistente Premesso - L'istante è stato dipendente della società resistente dal ... al ..., epoca in cui veniva licenziato; - Il ricorrente, all'atto del licenziamento, ha maturato un credito al trattamento di fine rapporto (T.F.R.) per Euro ..., non versati dal datore di lavoro;