Passa ai contenuti principali

PROCEDIMENTO PENALE ED INDENNITA' DI DISOCCUPAZIONE - CASS. ORDINANZA N.3507 DEL 06.03.2012

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

T.A. aveva adito il Tribunale di Catania chiedendo all'Inps il pagamento dell'indennità di disoccupazione agricola per l'anno 2005. L'Inps deduceva la esistenza di un procedimento penale a carico, tra gli altri, di Z.B. e D.F. G., rispettivamente legale rappresentante e socio della ditta Picc. Soc. coop. World Frutta, alle cui dipendenze il T. aveva prestato attività lavorativa come bracciante agricolo, producendo il decreto di fissazione dell'udienza preliminare, in cui risultava che questa ditta era stata creata fittiziamente, e veniva definita "fantasma", ed aveva falsamente attestato lo svolgimento di lavoro di braccianti agricoli;

Il Tribunale, preso atto di ciò, sospendeva il giudizio;

Avverso la sospensione il T. ricorre, sostenendo l'inesistenza delle condizioni giustificanti la sospensione; l'Inps resiste con memoria;

Letta la relazione resa ex art. 380 bis cod. proc. civ., di manifesta infondatezza del ricorso;

Ritenuto ce i rilievi di cui alla relazione non sono condivisibili;

Invero non vi è dubbio che l'esistenza del rapporto di lavoro del ricorrente con la ditta sottoposta a procedimento penale sia condizione per godere della indennità di disoccupazione richiesta, per la quale è necessaria la prova di avere svolto attività lavorativa come bracciante e di essere stato licenziato;

Tuttavia è stato affermato (Cass. Sez. U, Ordinanza n. 13682 del 05/11/2001) che "Ai sensi dell'art. 295 cod. proc. civ., art. 75 cod. proc. pen., art. 211 disp. att. cod. proc. civ., fuori dal caso in cui i giudizi di danno possono proseguire davanti al giudice civile ai sensi dell'art. 75 cod. proc. pen., comma 2, negli altri casi, il processo può essere sospeso se tra processo penale e altro giudizio ricorra il rapporto di pregiudizialità indicato dall'art. 295 cod. proc. civ. o se la sospensione sia prevista da altra specifica norma, e sempre a condizione che la sentenza penale esplichi efficacia di giudicato nell'altro giudizio, ai sensi degli artt. 651, 652 e 654 cod. proc. pen.".

Sulla base di tale principio la S.C. ha annullato, per mancanza di un rapporto di pregiudizialità tra i giudizi, l'ordinanza di sospensione del processo civile avente ad oggetto l'adempimento del contratto in attesa della definizione del processo penale per la truffa relativa alla determinazione dei corrispettivi ed il caso è analogo a quello presente, in cui la sentenza penale per truffa non potrebbe mai avere efficacia di giudicato nel processo tra parti diverse, ossia tra l'Inps e l'attuale ricorrente.

Il ricorso va quindi accolto con conseguente annullamento dell'ordinanza e la declaratoria di prosecuzione del processo. Le spese sono a carico dell'Inps.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, annulla l'ordinanza di sospensione e dispone che il processo prosegua davanti al Tribunale di Catania.

Condanna l'Inps al pagamento delle spese liquidate in Euro mille per onorari e trenta per esborsi, oltre spese generali I.V.A. e C.P.A..

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu

FORMULARIO: MODELLO DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO T.F.R.

Modello decreto ingiuntivo per il processo del lavoro per recupero TFR (trattamento di fine rapporto) TRIBUNALE DI ... Sezione lavoro e previdenza Ricorso per decreto ingiuntivo Per il Signor Tizio nato a ..., il ..., residente in ... c.f. ... rappresentato e difeso dall'Avv. ... presso il quale è elettivamente domiciliato in ... come da delega a margine al atto, con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di Cancelleria a mezzo fax all'utenza n. ... ovvero a mezzo posta elettronica certificata all'indirizzo pec: ... Ricorrente Contro La società ..., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in ..., alla via ..., n. ... Resistente Premesso - L'istante è stato dipendente della società resistente dal ... al ..., epoca in cui veniva licenziato; - Il ricorrente, all'atto del licenziamento, ha maturato un credito al trattamento di fine rapporto (T.F.R.) per Euro ..., non versati dal datore di lavoro;