Passa ai contenuti principali

REINTEGRA O PAGAMENTO 15 MENSILITA' A SEGUITO LICENZIAMENTO - OPZION DEL LAVORATORE - CASS. SEZ. LAVORO, SENT. N. 3043 DEL 28.02.2012

Svolgimento del processo

Con sentenza 15.11.05 il Tribunale di Frosinone, dichiarato illegittimo il licenziamento intimato il 21.1.02 a C.M. L. dalla O. S.r.l. in liquidazione, condannava quest'ultima a pagare alla lavoratrice il solo risarcimento dei danni ex art. 18 Stat. nella misura di 5 mensilità dell'ultima retribuzione globale di fatto anzichè le 15 mensilità chieste dall'attrice in luogo dell'ordine di reintegra (divenuto impossibile poichè, nelle more, la società aveva cessato ogni attività).

Il gravame interposto dalla C. veniva poi rigettato dalla Corte d'appello di Roma con sentenza depositata il 1.10.09.

Affermavano i giudici del merito che l'opzione - prevista dal comma 5 del cit. art. 18 - del pagamento delle 15 mensilità in luogo della reintegra non era esercitabile prima dell'ordine giudiziale della reintegra medesima.

Per la cassazione di tale sentenza ricorre la C. affidandosi ad un unico motivo, poi ulteriormente illustrato con memoria ex art. 378 c.p.c..

La O. S.r.l. in liquidazione è rimasta intimata.

Motivi della decisione

1- Con l'unico motivo di ricorso si lamenta violazione e falsa applicazione della L. n. 300 del 1970, art. 18, comma 5, per avere l'impugnata sentenza ritenuto che l'opzione (prevista in detta disposizione) per il pagamento delle 15 mensilità non possa esercitarsi prima che in sede giudiziale sia ordinata la reintegra.

Il motivo è fondato.

La giurisprudenza di questa S.C. - cui va data continuità - ha già più volte avuto modo di statuire che il diritto del lavoratore illegittimamente licenziato di ottenere, in luogo della reintegra nel posto di lavoro, l'indennità sostitutiva prevista dalla L. 20 maggio 1970, n. 300, art. 18, comma 5 (come modificata dalla L. 11 maggio 1990, n. 108) - che configura un'obbligazione con facoltà alternativa dal lato del creditore - deriva dall'illegittimità del recesso e sorge contemporaneamente al diritto alla reintegra medesima, senza che ne sia previamente necessario l'ordine giudiziale affinchè, poi, il lavoratore eserciti l'opzione in discorso.

Dunque, in giudizio il lavoratore può anche limitarsi ab origine a chiedere tale indennità sostitutiva (cfr. Cass. 16.3.01 n. 3815; Cass. 12.6.2000 n. 8015; Cass. 16.10.98 n. 10283), anche laddove - come avvenuto nel caso di specie - il licenziamento sia stato revocato dal datore di lavoro e alla revoca non abbia fatto seguito il ripristino del rapporto (cfr. Cass. 3.1.11 n. 36; Cass. 13.6.02 n. 8493; Cass. 5.12.97 n. 12366; Cass. 16.9.2000 n. 12260).

Nel caso che ne occupa, a seguito dell'impugnativa della C., il 15.2.02 la O. aveva revocato il recesso invitando la lavoratrice a riprendere servizio, il che non era avvenuto in quanto l'odierna ricorrente aveva optato per il pagamento delle 15 mensilità.

2- In conclusione, il ricorso merita di essere accolto; per l'effetto, si cassa la sentenza impugnata, con rinvio - anche per le spese - alla Corte d'appello di Roma in diversa composizione.

P.Q.M.

LA CORTE accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Corte d'appello di Roma in diversa composizione.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON DOMANDA RICONVENZIONALE

TRIBUNALE DI … SEZ. LAVORO MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON RICONVENZIONALE G.L.: Dr. … – R.G. n.: …– Ud.: … Per la Società …, P.IVA: …, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, dall’Avv. … (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale …, in … (…), via …, n. …, giusta procura in calce al ricorso notificato (…), con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all’utenza n. …ovvero a mezzo pec all’indirizzo e-mail: … Resistente Contro la Sig.ra …, con l’avv. …, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo, in … Ricorrente Premesso Con ricorso depositato in data … e notificato il …, la ricorrente adiva il Tribunale di …, sezione lavoro, assumendo di aver prestato la propria attività lavorativa, nella qualità di ..., dall’aprile 2005 al maggio 2011 alle dipendenze della resistente. In particolare, parte ricorrente indica che … * Ciò premesso, con la presente memoria difensiva si

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu