Passa ai contenuti principali

CONTRIBUZIONE FIGURATIVA ED EMOLUMENTI EXTRAMENSILI - CORTE DI APPELLO DI BOLOGNA, SEZ. LAVORO, SENTENZA DEL 22.02.2012

Svolgimento del processo

Con ricorso al Tribunale di Ravenna, in funzione di Giudice del Lavoro, PA.RA. conveniva in giudizio l'INPS al fine di ottenere il ricalcalo del proprio trattamento pensionistico sulla base di una retribuzione annua pensionabile da determinarsi con la inclusione di tutti gli elementi percepiti in costanza di rapporto, anche in relazione al valore da attribuire alle settimane contributive riconosciute figurativamente per disoccupazione.

INPS si costituiva in giudizio contestando la fondatezza della domanda e sostenendo di essersi attenuto nella determinazione del "valore retributivo figurativo" alla circolare n. 845 RCV del 26 maggio 1987, con la quale era stato precisato che nella determinazione di tale valore non si tiene conto degli emolumenti extramensili.

Il Tribunale di Ravenna, quale Giudice del Lavoro, con sentenza n. 195/2010, ha accolto la domanda.

Ha ritenuto, in particolare ed in adesione all'orientamento di legittimità richiamato in sentenza, che l'art. 8, comma 1 della 'legge n. 155/1981 doveva essere interpretato nel senso che, nella media delle retribuzioni settimanali percepite in costanza di lavoro nell'anno solare utile per individuare il valore retributivo di ciascuna settimana ai fini del calcolo della retribuzione annua pensionabile, dovessero essere inclusi anche quegli emolumenti, quali la tredicesima e la quattordicesima mensilità, che, pur essendo corrisposti a cadenze periodiche, rientrano a pieno titolo nella retribuzione complessiva maturata a favore del lavoratore per ciascuna settimana.

Avverso tale decisione ha proposto appello INPS che ha articolato un unico motivo di impugnativa ed ha concluso per il rigetto della domanda di controparte con riforma integrale della sentenza impugnata.

Si è costituita la ricorrente/appellata che ha contestato la infondatezza del proposto appello, concludendo per il rigetto dello stesso.

La causa è stata decisa all'udienza del giorno 8 novembre 2011 come da dispositivo in atti.

Motivi della decisione

INPS ha articolato un unico motivo di appello con il quale ha censurato la sentenza di primo grado, sostenendo che nella specie le competenze extramensili ai fini di una corretta applicazione dell'art. 8 della legge n. 155 del 1981 devono essere escluse dal computo delle retribuzioni di riferimento per il calcolo della media retributiva perché in tale modo, come posto in evidenza dal Consiglio di Amministrazione dell'Istituto, nella propria delibera n. 200 del 5 dicembre 1986, verrebbe effettuato un accredito figurativo per le settimane non lavorate superiore alla media delle retribuzioni percepite in costanza di lavoro. Infatti la tredicesima mensilità percepita dal lavoratore già di per sé contribuisce al calcolo della pensione perché viene sommata alle retribuzione effettivamente percepite ed a quelle figurative, ai fini della determinazione della complessiva retribuzione pensionabile, qualora rientri nel periodo di computo.

Sempre secondo INPS, volerla considerare anche ai fini della media per la retribuzione figurativa determina una immotivata lievitazione del valore retributivo dei periodi figurativi.

Tale motivo di appello deve essere respinto.

Questa Corte, come già fatto in contenziosi del tutto identici (v. ad esempio sent. n. 115/2005; v. sent. 28 agosto 2007) prende atto che, sul tema oggetto della presente controversia, esiste (come puntualmente ricordato nella sentenza impugnata) un consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità (v. Cass. n. 16313/2004; v. Cass. n. 157/2007; Cass. n. 18272/2010), secondo cui con riferimento alla contribuzione figurativa per disoccupazione involontaria, nella retribuzione pensionabile devono essere inclusi anche gli emolumenti extramensili (quali ratei di mensilità aggiuntive e di indennità sostitutive di ferie non godute) atteso che rientrano nell'ampia nozione di retribuzione imponibile ai fini contributivi prevista - dall'art. 12 legge n. 153 del 1969 (in seguito modificata dal D.Lgs. n. 314 del 1977) e come tali concorrono ad integrare la base di calcolo del "valore retributivo da attribuire per ciascuna settimana ai periodi riconosciuti figurativamente" cui fa riferimento, ai fini del calcolo della retribuzione annua pensionabile, l'art. 8 della legge n. 155 del 1981.

Il Tribunale di Ravenna, quale Giudice del Lavoro, nella impugnata sentenza, non si è certo discostato da tali principi, al contrario richiamando, per condividerlo e correttamente applicarlo, il sopra ricordato orientamento della Corte di Cassazione.

Contemporaneamente INPS, nel motivo di appello in esame, non ha proposto argomentazione nuove e diverse rispetto a quelle già esaminate dalla Corte di Cassazione con le sentenza sopra ricordate.

Tutto ciò consente di respingere tale motivo di appello con conseguente integrale conferma della sentenza impugnata.

INPS, in applicazione del principio della soccombenza, deve essere condannata alla rifusione in favore delle parti appellate delle spese del presente grado di giudizio con liquidazione come da dispositivo.

P.Q.M.

La Corte, ogni contraria istanza disattesa e respinta, definitivamente decidendo,

respinge l'appello avverso la sentenza in atti che conferma.

Condanna INPS alla rifusione in favore di parte appellata delle spese del presente grado di giudizio che si liquidano in Euro 1.750,00 di cui Euro 900,00 per onorari, oltre Iva e Cpa come per legge con distrazione in favore dei procuratori antistatari avv. Al.Ta. e avv.ssa Fe.Mo.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON DOMANDA RICONVENZIONALE

TRIBUNALE DI … SEZ. LAVORO MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON RICONVENZIONALE G.L.: Dr. … – R.G. n.: …– Ud.: … Per la Società …, P.IVA: …, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, dall’Avv. … (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale …, in … (…), via …, n. …, giusta procura in calce al ricorso notificato (…), con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all’utenza n. …ovvero a mezzo pec all’indirizzo e-mail: … Resistente Contro la Sig.ra …, con l’avv. …, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo, in … Ricorrente Premesso Con ricorso depositato in data … e notificato il …, la ricorrente adiva il Tribunale di …, sezione lavoro, assumendo di aver prestato la propria attività lavorativa, nella qualità di ..., dall’aprile 2005 al maggio 2011 alle dipendenze della resistente. In particolare, parte ricorrente indica che … * Ciò premesso, con la presente memoria difensiva si

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu