icone

                               
Diritto del lavoro è un servizio gratuito. Aiutaci a mantenere aperta la partecipazione a tutti, semplicemente cliccando "Mi piace". A te non costa nulla, per noi vuol dire molto

MASS. SENTENZA CASSAZIONE 65/2011: PROCESSO DEL LAVORO – NULLITA' DEL TERMINE APPOSTO AL CONTRATTO DI LAVORO E CONSEGUENTE CONDANNA AL RISARCIMENTO DEL DANNO - IMPUGNAZIONE SULLA SOLA DECLARATORIA DI NULLITA' - CONSEGUENZE - GIUDICATO SUL RISARCIMENTO DEL DANNO - SUSSISTENZA - SOPRAVVENIENZA DELLA NORMA RETROATTIVA DELL'ART. 32 CO. 5, DELLA LEGGE N. 183 DEL 2010 - APPLICABILITA' - ESCLUSIONE

CASS. SENT. N. 65 DEL 03.01.2011
La S.C. ha precisato che l'applicazione retroattiva dell'art. 32, co. 5, della legge n. 183 del 2010 trova limite nel giudicato formatosi sulla domanda risarcitoria conseguente alla impugnazione del termine illegittimamente apposto al contratto di lavoro, rilevando che l'impugnazione del solo capo relativo alla declaratoria di nullità del termine non impedisce la formazione del giudicato sul capo di domanda relativo al risarcimento del danno.