Passa ai contenuti principali

Molestie sessuali sul lavoro

Raccolta di giurisprudenza sulle molestie sessuali sul lavoro

Trib. Pavia, massima sentenza del 14.12.2002
Se l'amministratore della società datrice di lavoro tollera comportamenti illeciti (e la loro conseguente nonchè prevedibile evoluzione in comportamenti di molestia sessuale) costituenti reato ex art. 2049 c.c. vi è concorrente responsabilità extracontrattuale della società datrice, che sarà tenuta a rispondere pertanto anche del danno morale.


Trib. Milano, massima sentenza del 28.12.2001
Il prolungato tollerare (che si estrinseca in un comportamento omissivo) del datore di lavoro in ordine ad atti di molestia sessuale costituisce chiara violazione dell'art. 2087 c.c..
Risulta illegittimo il licenziamento intimato alla lavoratrice molestata, allorquando le condotte imputate alla dipendente, quale giusta causa di recesso, siano ricollegabili causalmente al comportamento omissivo dello stesso datore; ove tale nesso di causalità sussista anche in relazione al danno biologico lamentato dalla lavoratrice, la stessa ha diritto al relativo risarcimento, il quale è quantificabile in via equitativa.


Trib. Pisa, massima sentenza del 06.10.2001
L'art. 2087 c.c., diretta espressione del disposto dell'art. 41 comma 2 cost., impone al datore di lavoro da una parte di apportare le misure di sicurezza necessarie a tutelare l'integrità fisica del lavoratore e dall'altra di porre in essere tutti gli accorgimenti necessari a tutelare la personalità morale. Ne consegue che, ove il datore di lavoro sia a conoscenza del fatto che un suo dipendente compie atti di molestia sessuale, è tenuto, secondo il tradizionale schema della "massima sicurezza fattibile" (di cui, appunto all'art. 2087 c.c.) a compiere quanto necessario per impedire il reiterarsi delle molestie.


Cass. civ. Sez. lavoro, massima sentenza n. 7380 del 08.08.1997
Non è censurabile sotto il profilo dell'illogicità della motivazione, la sentenza d'appello che escluda la ricorrenza di un'ipotesi di molestia sessuale e, contemporaneamente, ricavi dalle medesime circostanze di fatto una giusta causa di dimissioni. Infatti, una tale valutazione rimane all'interno del libero apprezzamento dei fatti che forma il convincimento del giudice di merito senza contrastare con le leggi della razionalità.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON DOMANDA RICONVENZIONALE

TRIBUNALE DI … SEZ. LAVORO MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON RICONVENZIONALE G.L.: Dr. … – R.G. n.: …– Ud.: … Per la Società …, P.IVA: …, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, dall’Avv. … (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale …, in … (…), via …, n. …, giusta procura in calce al ricorso notificato (…), con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all’utenza n. …ovvero a mezzo pec all’indirizzo e-mail: … Resistente Contro la Sig.ra …, con l’avv. …, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo, in … Ricorrente Premesso Con ricorso depositato in data … e notificato il …, la ricorrente adiva il Tribunale di …, sezione lavoro, assumendo di aver prestato la propria attività lavorativa, nella qualità di ..., dall’aprile 2005 al maggio 2011 alle dipendenze della resistente. In particolare, parte ricorrente indica che … * Ciò premesso, con la presente memoria difensiva si

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu