Passa ai contenuti principali

Come cambia il licenziamento a seguito della legge 92/2012 (Fornero)


Con la l. 28 giugno 2012, n. 92 (che trovate al seguente link l.n. 92/2012) il legislatore ha introdotto un nuovo processo per il solo licenziamento che dovesse essere effettuato nelle sole ipotesi previste dall'art. 18 dello Statuto dei lavoratori.

In particolare la legge n. 92 del 2012 ha introdotto un nuovo ulteriore rito per tale tipologia di licenziamento.

La prima novità riguarda il tentativo obbligatorio di conciliazione da esperirsi nell'ipotesi del licenziamento per giustificato motivo oggettivo: il datore di lavoro che abbia i requisiti dimensionali di cui all'art. 18 l. n. 300/1970, se vuole procedere ad un licenziamento individuale per giustificato motivo oggettivo, dovrà preventivamente tentare la conciliazione (con comunicazione da inviarsi anche al lavoratore) presso la DPL (Direzione Provinciale del Lavoro) del luogo in cui il lavoratore svolge la propria attività lavorativa.
Quest'ultima comunicazione deve contenere:
- l'intenzione del datore di lavoro di voler procedere al licenziamento per motivo oggettivo;
- il motivo di licenziamento;
- eventuali misure di assistenza alla ricollocazione del lavoratore;

La Direzione del lavoro deve fissare un termine per la convocazione delle parti entro 7 giorni dalla richiesta.

Le parti, in sede conciliativa, dovranno esaminare soluzioni alternative al recesso. Al massimo entro 20 giorni dalla data in cui la DPL ha trasmesso la convocazione dell'incontro, la procedura si intende esaurita, salvo  se le parti, di comune accordo, intendano proseguire.
Al termine della procedura, il datore di lavoro potrà procedere con il licenziamento (che avrà efficacia ex tunc, cioè dalla data di comunicazione iniziale alla DPL).
Il comportamento delle parti sarà  valutato dal giudice per la determinazione dell'eventuale indennità risarcitoria di cui all'art. 18 l.n. 300/1970. 


Il comma 57 prevede che all'udienza il giudice senta le parti e proceda nel modo che ritiene più opportuno agli atti di istruzione ammissibili 




Inoltre, il nuovo processo per licenziamento prevede un'ordinanza immediatamente esecutiva con cui il giudice accoglie o rigetta la domanda.Alcun termine è previsto dalla legge peril deposito da parte del giudice di detta ordinanza, la quale è comunque immediatamente esecutiva e la sua efficacia  non può essere sospesa o revocata fino alla pronuncia della eventuale sentenza, che sarà emessa al termine del giudizio. 

Ovviamente, una volta che il lavoratore reintegrato ritenga di agire in esecuzione, potrà senz'altro farlo sulla base dell'ordinanza di cui sopra contro la quale, sia essa di accoglimento oppure di rigetto, può essere proposta opposizione con ricorso effettuato ai sensi dell'art. 414 c.p.c.

L'opposizione dovrà essere proposta, a pena di decadenza, nel termine di 30 giorni dalla comunicazione o dalla notificazione del provvedimento che sarà oggetto di opposizione e l'opponente non può proporre domande diverse da quelle della prima fase del procedimento, fatto salvo che tali domande si fondanosugli identici fatti costitutivi o siano svolte nei confronti di soggetti rispetto ai quali la causa è comune o dai quali si intende essere garantiti.

Terminata la fase istruttoria ed emessa l'ordinanza, il giudice può consentire alle parti il deposito di note difensive; dopodiché decide con sentenza, completa di motivazione, che deve essere depositata in cancelleria entro 10 giorni dall'udienza di discussione (con l'eliminazione, quindi, della lettura del dispositivo di sentenza, rispetto al normale processo del lavoro). 






Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON DOMANDA RICONVENZIONALE

TRIBUNALE DI … SEZ. LAVORO MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON RICONVENZIONALE G.L.: Dr. … – R.G. n.: …– Ud.: … Per la Società …, P.IVA: …, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, dall’Avv. … (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale …, in … (…), via …, n. …, giusta procura in calce al ricorso notificato (…), con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all’utenza n. …ovvero a mezzo pec all’indirizzo e-mail: … Resistente Contro la Sig.ra …, con l’avv. …, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo, in … Ricorrente Premesso Con ricorso depositato in data … e notificato il …, la ricorrente adiva il Tribunale di …, sezione lavoro, assumendo di aver prestato la propria attività lavorativa, nella qualità di ..., dall’aprile 2005 al maggio 2011 alle dipendenze della resistente. In particolare, parte ricorrente indica che … * Ciò premesso, con la presente memoria difensiva si

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu