Passa ai contenuti principali

Anticipazione del TFR - modello richiesta (trattamento di fine rapporto)


Oggetto: Richiesta anticipazione del TFR maturato

Il sottoscritto Lavoratore Sig. ..., dipendente della società ... con decorrenza (indicare la data di assunzione)

CHIEDE

 l'anticipazione sul trattamento di fine rapporto maturato prevista dall'art. 2120 c.c. nella misura del ..... % (misura massima dell'anticipazione è il 70%) per la seguente necessità:

ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DI ABITAZIONE PER SÈ O PER I FIGLI*. Invero con la presente si autocertifica che lo scrivente non proprietario di altre case di abitazione.

All'uopo si allega atto di acquisto dell'immobile (o impegno di acquisto - preliminare di vendita);

Si resta a disposizione per ogni chiarimento o integrazione di documentazione che risultassero necessari.

Luogo, data e firma del lavoratore

_____________________

*In alternativa la richiesta di anticipazione TFR può essere effettuata per:

SPESE SANITARIE PER TERAPIE E INTERVENTI STRAORDINARI
SPESE DURANTE LA FRUIZIONE DEL CONGEDO PARENTALE
SPESE DURANTE LA FRUIZIONE DEL CONGEDO PER LA FORMAZIONE 
SPESE DURANTE LA FRUIZIONE DEL CONGEDO PER LA FORMAZIONE CONTINUA

Giurisprudenza sull'anticipazione del TFR

Cass. massima sent. n. 20758 del 26.10.2005 
In riferimento all'ipotesi di cessione del futuro credito per TFR, la cessazione del rapporto di lavoro è una condizione di esigibilità e non di maturazione del diritto; ne consegue che, quando si dispone dello stesso in rapporto agli anni di servizio prestati (ossia nei limiti degli accantonamenti), si dispone di un diritto già maturato, anche se non esigibile prima della cessazione del rapporto, ovvero esigibile nei limiti dell'anticipazione richiedibile prima della cessazione, a norma dei commi 6 e seguenti dell'articolo 2120 del codice civile.

App. Milano massima sent. del 09.01.2006
La "ratio" della disposizione di cui all'art. 2120 c.c. sull'anticipazione del TFR per l'acquisto della prima casa di abitazione è quella di consentire al lavoratore di diventare proprietario della casa dove normalmente egli vive con il suo nucleo familiare, sicché l'unica condizione che la norma pone è che l'anticipazione sia impiegata per il detto scopo; la norma non impone che la casa di abitazione sia necessariamente vicina al luogo di lavoro, la lontananza potendo essere solo un indizio di insussistenza del presupposto.

Cass. massima sent. n. 1827 del 29.01.2007
La non corrispondenza della specifica utilizzazione di somme erogate dal datore di lavoro al lavoratore, a titolo di anticipazione del Tfr e mutuo, alla finalità dell'erogazione è fatto estraneo all'esecuzione degli obblighi del lavoratore e non costituisce di per sè inadempimento d'un obbligo. L'irrogazione della massima sanzione del licenziamento risulta giustificata solo in presenza di un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali, ovvero di un comportamento tale da non consentire la prosecuzione neppure provvisoria del rapporto di lavoro.


Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON DOMANDA RICONVENZIONALE

TRIBUNALE DI … SEZ. LAVORO MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON RICONVENZIONALE G.L.: Dr. … – R.G. n.: …– Ud.: … Per la Società …, P.IVA: …, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, dall’Avv. … (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale …, in … (…), via …, n. …, giusta procura in calce al ricorso notificato (…), con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all’utenza n. …ovvero a mezzo pec all’indirizzo e-mail: … Resistente Contro la Sig.ra …, con l’avv. …, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo, in … Ricorrente Premesso Con ricorso depositato in data … e notificato il …, la ricorrente adiva il Tribunale di …, sezione lavoro, assumendo di aver prestato la propria attività lavorativa, nella qualità di ..., dall’aprile 2005 al maggio 2011 alle dipendenze della resistente. In particolare, parte ricorrente indica che … * Ciò premesso, con la presente memoria difensiva si

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu