Passa ai contenuti principali

Contratto a tutele crescenti

Con il contratto a tutele crescenti tutti i neo-assunti di un datore di lavoro avranno un contratto a tempo indeterminato c.d. a tutele crescenti.
Il contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti non è quindi una nuova tipologia contrattuale, ma un contratto a tempo indeterminato assolutamente standard, caratterizzato soltanto da un diverso regime sanzionatorio del licenziamento.
Come consiglia il nome del nuovo istituto previsto dal Jobs Act, la tutela verso il licenziamento (diversamente da come accade oggi) crescerà all'aumentare dell'anzianità di servizio del dipendente.
Il dichiarato obiettivo del Jobs Act è di 'obiettivo fare in modo che il contratto a tutele crescenti sostituisca tutte le altre modalità di assunzione diverse dal contratto a tempo indeterminato (cioè, tra i più usati, contratti a tempo determinato, contratto di somministrazione di manodopera, contratti a progetto, etc.).
Tutto il peso della riforma si sposta, però (ed è evidente), sulle spalle dei neo-assunti. Infatti, il Jobs Act prevede la modifica dell'art. 18 dello Statuto dei Lavoratori (già pesantemente modificato dalla Legge Fornero), in quanto la Legge n. 183/2014, per la prima volta chiarisce in maniera incontrovertibile come l’istituto della reintegrazione nel rapporto di lavoro, debba rappresentare l’eccezione ad una regola che invece è caratterizzata dall’indennizzo (peraltro molto basso).
Inoltre, il contratto a tutele crescenti riguarderà non solo propriamente i neo assunti (cioè i dipendenti assunti con contratto a tempo indeterminato a decorrere dalla data di entrata in vigore del decreto), ma anche, per assurdo, i dipendenti (anche se assunti precedentemente alla data di entrata in vigore del decreto) il cui datore di lavoro superi la fatidica soglia dei 15 addetti a mezzo di assunzioni a tempo indeterminato effettuate successivamente all’entrata in vigore del decreto.
Inoltre sembra che il regime speciale dovrebbe valere anche per i lavoratori che, ingaggiati con contratto a termine, a seguito dell’entrata in vigore vengano assunti ex novo a tempo indeterminato.
Infine, oltre al caso del licenziamento discriminatorio, la tutela della reintegra rimarrebbe solo per i licenziamenti disciplinari nei quali in giudizio emerga che il fatto contestato è assolutamente insussistente.
Alla reintegra, in tale ultimo caso, si affiancherà il risarcimento del danno sulla base delel retribuzioni non percepite, con un tetto massimo delle 12 mensilità.
La tutela c.d. reale, è evidentemente depotenziata, poichè vi è una drastica riduzione delle conseguenze risarcitorie.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu

FORMULARIO: MODELLO DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO T.F.R.

Modello decreto ingiuntivo per il processo del lavoro per recupero TFR (trattamento di fine rapporto) TRIBUNALE DI ... Sezione lavoro e previdenza Ricorso per decreto ingiuntivo Per il Signor Tizio nato a ..., il ..., residente in ... c.f. ... rappresentato e difeso dall'Avv. ... presso il quale è elettivamente domiciliato in ... come da delega a margine al atto, con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di Cancelleria a mezzo fax all'utenza n. ... ovvero a mezzo posta elettronica certificata all'indirizzo pec: ... Ricorrente Contro La società ..., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in ..., alla via ..., n. ... Resistente Premesso - L'istante è stato dipendente della società resistente dal ... al ..., epoca in cui veniva licenziato; - Il ricorrente, all'atto del licenziamento, ha maturato un credito al trattamento di fine rapporto (T.F.R.) per Euro ..., non versati dal datore di lavoro;