Passa ai contenuti principali

Prestazioni occasionali di tipo accessorio

Il decreto legge 25 giugno 2008, n. 112, fra i diversi interventi in materia di lavoro ha anche apportato profonde modifiche alle prestazioni occasionali di tipo accessorio.
La riforma del lavoro accessorio si innesta nella nuova sperimentazione avviata dal Ministero del lavoro e della previdenza sociale, con decreto del 12 marzo 2008 «per l’espletamento di attività lavorative di natura meramente occasionale (...) nell’ambito dell’esecuzione di vendemmie di breve durata e a carattere saltuario» per il solo anno in corso.
In questa sede si vuole fare un’analisi della tipologia contrattuale così come recentemente modificata, non tralasciando tuttavia uno sguardo al passato. 
Le prestazioni occasionali di tipo accessorio sono state introdotte nel nostro ordinamento dal D.Lgs. n. 276/2003 e gli articoli che le regolamentano sono stati oggetto di modifiche nel tempo, probabilmente al fine di renderne piu` agevole l’applicazione, fino ad arrivare alle profonde innovazioni introdottedal D.L. n. 112/2008.
Il vecchio art. 70 del citato D.Lgs. le definiva come «attività lavorative di natura meramente occasionale rese da soggetti a rischio di esclusione sociale o comunque non ancora entrati nel mercato del lavoro, ovvero in procinto di uscirne». 
La finalita` era sicuramente duplice: da un lato garantire efficienza e trasparenza al mercato del lavoro migliorando le capacità di inserimento professionale dei disoccupati e di quanti erano in cerca di una prima occupazione come da legge delega n. 30/2003 - e quindi aumentare il tasso di occupazione come previsto dall’art. 1 del D.Lgs. n. 276/2003; dall’altra favorire l’inserimento lavorativo di fasce deboli comunque presenti sul mercato del lavoro.
Il D.L. n. 112/2008, sostituendo il comma 1 dell’art. 70, ha completamente modificato la definizione di lavoro accessorio e il suo campo di applicazione, influendo anche sulla finalità: attualmente infatti, «per prestazioni di lavoro accessorio si intendono attivita` lavorative di natura occasionale». 
Va da se´ che quindi la finalità rimane solo l’aumentare il tasso di occupazione ed incentivare la creazione di occasioni di lavoro tout court, così come evidenziato da parte della dottrina ben prima che intervenissero le attuali modifiche.
Ci si trova, quindi, dinanzi ad una particolare prestazione inquadrabile nell’ambito del lavoro autonomo ex art. 2222 c.c. caratterizzata dall’applicazione di tutele aggiuntive: il prestatore di lavoro ha un’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e malattie professionali ed una copertura previdenziale, indipendentemente dal superamento del limite di euro 5.000,00 annui (i prestatori di lavoro occasionali ex art. 2222 c.c. hanno l’obbligo del versamento alla Gestione separata Inps solo al superamento di euro 5.000,00 annui).

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON DOMANDA RICONVENZIONALE

TRIBUNALE DI … SEZ. LAVORO MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON RICONVENZIONALE G.L.: Dr. … – R.G. n.: …– Ud.: … Per la Società …, P.IVA: …, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, dall’Avv. … (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale …, in … (…), via …, n. …, giusta procura in calce al ricorso notificato (…), con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all’utenza n. …ovvero a mezzo pec all’indirizzo e-mail: … Resistente Contro la Sig.ra …, con l’avv. …, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo, in … Ricorrente Premesso Con ricorso depositato in data … e notificato il …, la ricorrente adiva il Tribunale di …, sezione lavoro, assumendo di aver prestato la propria attività lavorativa, nella qualità di ..., dall’aprile 2005 al maggio 2011 alle dipendenze della resistente. In particolare, parte ricorrente indica che … * Ciò premesso, con la presente memoria difensiva si

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu