Passa ai contenuti principali

La prescrizione presuntiva, che non comporta estinzione dell'obbligazione, ma solo presunzione di pagamento - Trib. Perugia sent. del 15.11.2011

Svolgimento del processo - Motivi della decisione

Il convenuto non ha contestato i fatti affermati dall'attore, che pertanto debbono ritenersi accertati. Il resistente ha, tuttavia, sollevato eccezione di prescrizione, presuntiva, dei crediti azionati ed al riguardo si osserva quanto segue

La prescrizione presuntiva (che non comporta estinzione dell'obbligazione, ma solo presunzione di pagamento, e può essere superata tramite giuramento deferito al debitore ovvero ammissione, da parte di quest'ultimo, di non aver adempiuto l'obbligazione) è applicabile anche al pagamento degli emolumenti derivanti da rapporto di lavoro (Cass. n. 5563/04) e non solo nei casi di rapporto non regolarizzato, ma anche in quelli nei quali il rapporto sia stato formalizzato ed il pagamento venga effettuato unitamente alla consegna della busta paga (Cass. n. 19864/09).

Considerato che il rapporto di lavoro fra le parti è cessato il 30.4.2003 e che la richiesta del tentativo di conciliazione è del 28.10.2005 (cfr. memoria di costituzione del convenuto), l'eccezione è fondata quanto alla somma di Euro 1.808,00, mentre è infondata per le altre.

L'importo di Euro 1.808,00 rappresenta invero la retribuzione del mese di aprile 2003, sicché - essendo la retribuzione pagabile mensilmente - il termine della prescrizione presuntiva è di un anno (art. 2955 n. 2 c.c.) ed al momento in cui venne promosso il tentativo di conciliazione tale termine era scaduto.

Per quanto invece riguarda gli altri emolumenti richiesti - mensilità aggiuntive, indennità sostitutive di ferie e permessi, TFR - questi non vengono pagati mensilmente (le mensilità aggiuntive vengono corrisposte una volta all'anno, le indennità sostitutive di ferie e permessi nonché il TFR vengono pagati alla fine del rapporto), sicché la prescrizione presuntiva è triennale (art. 2956 n. 1 c.c.) ed all'epoca del tentativo di conciliazione non era decorso un triennio dalla cessazione del rapporto.

Non operando la prescrizione presuntiva e non avendo il convenuto provato il pagamento, né contestato il quantum delle pretese, spettano pertanto al ricorrente Euro 183,22 per indennità sostitutiva ferie, Euro 131,10 per indennità sostitutiva permessi, Euro 310,90 per ratei tredicesima, Euro 310,99 per ratei quattordicesima ed Euro 225,56 per TFR; si tratta, complessivamente, di Euro 1.161,77, somma sulla quale competono interessi legali e rivalutazione monetaria dalla debenza al saldo.

Per quanto poi riguarda la domanda di INPS, ne va affermata l'ammissibilità. Si tratta invero di domanda proposta a seguito di intervento litisconsortile, che è ammissibile a condizione che presenti una connessione con quella di altre parti relativamente allo stesso oggetto sostanziale ovvero in dipendenza del medesimo titolo. E' indubbio che la domanda di pagamento della retribuzione e quella di pagamento della contribuzione sulla retribuzione sono connesse e derivano dal medesimo titolo, vale a dire l'espletamento della prestazione lavorativa.

Va aggiunto che in questo caso non opera la prescrizione presuntiva - peraltro non eccepita nei confronti di INPS - poiché nel rapporto previdenziale il pagamento non si presume e deve essere dimostrato. La contribuzione oggetto di causa è pertanto riferibile a tutte le somme spettanti al lavoratore, ivi compresa la retribuzione di aprile 2003, presuntivamente pagata all'Ho., ammontanti nel complesso ad Euro 2.969,77.

Non avendo il convenuto dedotto, e tantomeno dimostrato, di aver pagato la contribuzione in questione, la domanda di INPS - che è di condanna generica - va accolta.

Atteso l'esito del giudizio, nel rapporto fra attore e convenuto le spese vanno compensate per metà, mentre per il resto debbono porsi a carico del convenuto.

Nel rapporto fra il convenuto ed I.N.P.S. le spese vanno infine poste a carico del primo, in ragione della soccombenza.

P.Q.M.

Definitivamente pronunciando:

- condanna il convenuto a pagare all'attore la somma di Euro 1.161,77, oltre interessi legali e rivalutazione monetaria dalla debenza al saldo;

- respinge per il resto il ricorso;

- condanna il convenuto a pagare ad I.N.P.S. la contribuzione dovuta sugli emolumenti dell'Ho., pari ad Euro 2.969,77, oltre accessori di legge;

- compensa per metà le spese di lite fra l'attore ed il convenuto e condanna quest'ultimo a rifondere al primo la residua metà, che in tale misura si liquida in Euro 400,00 per competenze ed onorari, oltre rimborso spese generali, IVA e CAP come per legge;

- condanna il convenuto a rifondere ad I.N.P.S. le spese di lite, che si liquidano in Euro 700,00 per competenze ed onorari, oltre IVA e CAP come per legge.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON DOMANDA RICONVENZIONALE

TRIBUNALE DI … SEZ. LAVORO MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON RICONVENZIONALE G.L.: Dr. … – R.G. n.: …– Ud.: … Per la Società …, P.IVA: …, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, dall’Avv. … (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale …, in … (…), via …, n. …, giusta procura in calce al ricorso notificato (…), con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all’utenza n. …ovvero a mezzo pec all’indirizzo e-mail: … Resistente Contro la Sig.ra …, con l’avv. …, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo, in … Ricorrente Premesso Con ricorso depositato in data … e notificato il …, la ricorrente adiva il Tribunale di …, sezione lavoro, assumendo di aver prestato la propria attività lavorativa, nella qualità di ..., dall’aprile 2005 al maggio 2011 alle dipendenze della resistente. In particolare, parte ricorrente indica che … * Ciò premesso, con la presente memoria difensiva si

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu