Passa ai contenuti principali

Proroga del contratto a termine (lavoro)

A seguito della Riforma Fornero (L.n. 92/2012) il primo contratto di lavoro a termine non può essere prorogato.

Invero, la ratio di tale limite sta nel fatto che rispetto al tale primo contratto non è necessario, ai sensi del nuovo comma 1 bis  dell'art. 1 D.Lgs. n. 368/2001 (introdotto appunto dalla Riforma citata), individuare le ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo che conducano a stipulare il contratto a tempo determinato e non (come di regola) a tempo indeterminato.

Dunque, superato il primo periodo (previsto dal contratto) nonchè i c.d. “periodi cuscinetto” (30 o 50 giorni a seconda della durata del contratto), il rapporto di lavoro deve considerarsi a tempo indeterminato.

Ciò vuol dire, quindi, che il primo contratto non potrà essere prorogato, bensì - decorsi i periodi previsti da legge - potrà stipularsi tuttalpiù un nuovo contratto di lavoro a tempo determinato che, però, preveda questa volta una causale giustificatrice (motivo di carattere tecnico, organizzativo, sostitutivo o produttivo).

Quest'ultimo contratto a termine potrà essere a sua volta prorogato, purchè:

- vi sia l'accordo tra le parti (e, dunque, in sostanza, il consenso del lavoratore);

- vi siano ragioni oggettive e la proroga si riferisca alla medesima attività lavorativa per la quale è stato stipulato il contratto a tempo determinato originario;

- che la durata complessiva del rapporto (con decorrenza, quindi, dal primo contratto a termine + la proroga) non sia superiore ai tre anni (come peraltro previsto già prima della riforma).

Diversamente il contratto dovrà intendersi a tempo indeterminato.

Inoltre, secondo la  giurisprudenza, le ragioni oggettive che, ai sensi dell'art. 4 del D.Lgs. n. 368 del 2001, giustificano la proroga di un contratto a tempo determinato devono essere intese nel senso di circostanze sopravvenute o comunque non conosciute - e non conoscibili con l'ordinaria diligenza - al momento della stipulazione del contratto originario, in quanto tale requisito (non conoscibilità) è immanente all'istituto della proroga.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu

FORMULARIO: MODELLO DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO T.F.R.

Modello decreto ingiuntivo per il processo del lavoro per recupero TFR (trattamento di fine rapporto) TRIBUNALE DI ... Sezione lavoro e previdenza Ricorso per decreto ingiuntivo Per il Signor Tizio nato a ..., il ..., residente in ... c.f. ... rappresentato e difeso dall'Avv. ... presso il quale è elettivamente domiciliato in ... come da delega a margine al atto, con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di Cancelleria a mezzo fax all'utenza n. ... ovvero a mezzo posta elettronica certificata all'indirizzo pec: ... Ricorrente Contro La società ..., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in ..., alla via ..., n. ... Resistente Premesso - L'istante è stato dipendente della società resistente dal ... al ..., epoca in cui veniva licenziato; - Il ricorrente, all'atto del licenziamento, ha maturato un credito al trattamento di fine rapporto (T.F.R.) per Euro ..., non versati dal datore di lavoro;