Passa ai contenuti principali

Proroga del contratto a termine (lavoro)

A seguito della Riforma Fornero (L.n. 92/2012) il primo contratto di lavoro a termine non può essere prorogato.

Invero, la ratio di tale limite sta nel fatto che rispetto al tale primo contratto non è necessario, ai sensi del nuovo comma 1 bis  dell'art. 1 D.Lgs. n. 368/2001 (introdotto appunto dalla Riforma citata), individuare le ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo che conducano a stipulare il contratto a tempo determinato e non (come di regola) a tempo indeterminato.

Dunque, superato il primo periodo (previsto dal contratto) nonchè i c.d. “periodi cuscinetto” (30 o 50 giorni a seconda della durata del contratto), il rapporto di lavoro deve considerarsi a tempo indeterminato.

Ciò vuol dire, quindi, che il primo contratto non potrà essere prorogato, bensì - decorsi i periodi previsti da legge - potrà stipularsi tuttalpiù un nuovo contratto di lavoro a tempo determinato che, però, preveda questa volta una causale giustificatrice (motivo di carattere tecnico, organizzativo, sostitutivo o produttivo).

Quest'ultimo contratto a termine potrà essere a sua volta prorogato, purchè:

- vi sia l'accordo tra le parti (e, dunque, in sostanza, il consenso del lavoratore);

- vi siano ragioni oggettive e la proroga si riferisca alla medesima attività lavorativa per la quale è stato stipulato il contratto a tempo determinato originario;

- che la durata complessiva del rapporto (con decorrenza, quindi, dal primo contratto a termine + la proroga) non sia superiore ai tre anni (come peraltro previsto già prima della riforma).

Diversamente il contratto dovrà intendersi a tempo indeterminato.

Inoltre, secondo la  giurisprudenza, le ragioni oggettive che, ai sensi dell'art. 4 del D.Lgs. n. 368 del 2001, giustificano la proroga di un contratto a tempo determinato devono essere intese nel senso di circostanze sopravvenute o comunque non conosciute - e non conoscibili con l'ordinaria diligenza - al momento della stipulazione del contratto originario, in quanto tale requisito (non conoscibilità) è immanente all'istituto della proroga.

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu

MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON DOMANDA RICONVENZIONALE

TRIBUNALE DI … SEZ. LAVORO MEMORIA DIFENSIVA EX ART. 416 C.P.C. CON RICONVENZIONALE G.L.: Dr. … – R.G. n.: …– Ud.: … Per la Società …, P.IVA: …, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, rappresentata e difesa, dall’Avv. … (C.F.: …) ed elettivamente domiciliata presso lo studio legale …, in … (…), via …, n. …, giusta procura in calce al ricorso notificato (…), con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di cancelleria a mezzo fax all’utenza n. …ovvero a mezzo pec all’indirizzo e-mail: … Resistente Contro la Sig.ra …, con l’avv. …, elettivamente domiciliata presso lo studio di quest’ultimo, in … Ricorrente Premesso Con ricorso depositato in data … e notificato il …, la ricorrente adiva il Tribunale di …, sezione lavoro, assumendo di aver prestato la propria attività lavorativa, nella qualità di ..., dall’aprile 2005 al maggio 2011 alle dipendenze della resistente. In particolare, parte ricorrente indica che … * Ciò premesso, con la presente memoria difensiva si