Passa ai contenuti principali

Accertamento licenziamento: competenza fallimentare o sezione lavoro?

SENTENZA Cass. civ. Sez. lavoro  n. 9306 24.10.1996

OMISSIS
Svolgimento del processo

Il Dr. G. P., dirigente della s.r.l. I., licenziato dalla stessa e reintegrato nel posto di lavoro, e quindi nuovamente licenziato, la ha convenuta innanzi al Pretore Giudice del lavoro di Roma per ottenere la declaratoria di illegittimità anche di tale licenziamento e la condanna della convenuta alla corresponsione della conseguente indennità dovutagli, per effetto del contratto collettivo, nonché del t.f.r..

Successivamente è intervenuto il fallimento della società, che aveva proposto domanda riconvenzionale nei confronti del P..

E' stato quindi eccepito il difetto di competenza per materia del giudice adito essendo competente il Tribunale fallimentare.

Il Pretore ha ritenuto sussistente, nonostante, l'intervenuta dichiarazione di fallimento, la propria competenza in quanto quella del Tribunale fallimentare sussiste - a norma dell'art. 24 l.f. - solo per le azioni che derivino dalla stessa.

Il Fallimento della s.r.l. I. ha proposto istanza per regolamento di competenza.

Il dr. P. resiste con controricorso.

Motivi della decisione

Il ricorrente censura la decisione pretorile per avere la stessa attribuito una portata ristretta all'art. 24. l.f. il cui ambito reale è, invece, determinato dall'indirizzo di legittimità che attribuisce alla competenza del Tribunale fallimentare le azioni di accertamento della illegittimità della risoluzione del rapporto di lavoro, sottraendole al giudice del lavoro, allorché le stesse siano strumentali all'accertamento di una posizione retributiva da farsi valere sull'attivo fallimentare.

Tale strumentalità è ravvisabile nella domanda proposta dal P., dirigente, che a norma del contratto collettivo chiede l'accertamento della ingiustificatezza del licenziamento e l'attribuzione (oltre al t.f.r.) della indennità supplementare: unico bene cui egli ha effettivo interesse non potendo ottenere la reintegrazione nel posto di lavoro.

La censura è fondata.

Esiste, infatti, il consolidato indirizzo indicato dal ricorrente che attribuisce alla competenza del giudice fallimentare anche la domanda di accertamento della illegittimità del licenziamento allorché essa presenti la predetta strumentalità (3740/86, 2902/92, 4539/94, 11235/94).

Ed è indubbio che il vero bene della vita per cui il controricorrente ha interesse e l'indennità supplementare rispetto a cui l'accertamento della ingiustificatezza del licenziamento riveste carattere strumentale.

Strumentalità che non verrebbe meno neanche se la domanda originaria - sempre che intervenisse il necessario consenso della controricorrente - fosse ridotta al mero accertamento della ingiustificatezza del licenziamento.

va quindi affermata la competenza del Tribunale fallimentare di Roma.

P.Q.M.
Dichiara la competenza del Tribunale fallimentare di Roma; condanna il ricorrente alle spese di lite che liquida in lire 20.500 oltre lire 2.000.000 per onorari.

Roma 5 luglio 1996.

DEPOSITATA IN CANCELLERIA IL 24 OTTOBRE 1996

Post popolari in questo blog

FORMULARIO: RICORSO EX ART. 442 C.P.C. - INFORTUNIO SUL LAVORO - MODELLO

Approfondimento sull' infortunio sul lavoro TRIBUNALE DI … SEZ. LAV. E PREVIDENZA RICORSO EX ART. 442 C.P.C. Per: il Sig. ... (C.F.: …) nato a …, il …, residente in … (…), in via …, n. … rappresentato e difeso, dall’Avv. … (C.F.: …) e presso il suo studio elettivamente domiciliato in …, via … n. …, giusta procura a margine del presente ricorso, con richiesta di inviarsi le comunicazioni a … Ricorrente Contro: I.N.A.I.L., Istituto Nazionale per l’Assicurazione contro gli Infortuni sul Lavoro, in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in … Resistente Oggetto: Infortunio sul lavoro in itinere Premesso 1) che l’istante è dipendente di …, con qualifica di “…”, matricola n. …; 2) che il ricorrente, residente in …, prestava la propria attività lavorativa presso l’ufficio …, sito in via …, n. … sin dal …; 3) che, in data …, l’istante si recava presso la stazione F.S. di … prendendo un treno proveniente da … e diretto a …, al fine di rec

Formulario: richiesta pagamento T.F.R. (trattamento di fine rapporto) - Modello lettera di messa in mora

Raccomandata a/r Spett.le Società Datore di lavoro … Via … Città Anticipata via fax al n. ... [inserire numero] Oggetto: richiesta pagamento T.F.R. – messa in mora Egregi Signori, con la presente sono a richiederVi quanto segue. Il sottoscritto Sig. …, è stato Vostro dipendente con matr. n. … con decorrenza dal … al …. Il rapporto di lavoro si è interrotto, con il rispetto del periodo di preavviso, per dimissioni rassegnate con raccomandata a/r datata … e da Voi ricevuta il … A seguito dell’interruzione del rapporto di lavoro, però, non è stato versato il T.F.R. maturato dal sottoscritto. Vi invito, pertanto a volermi rimettere le somme dovutemi pari ad euro ... come da conteggi allegati [ per il calcolo del TFR vai qui ] . Tanto premesso, Vi manifesto che, in mancanza di pagamento di quanto dovuto e richiesto, entro 15 giorni dal ricevimento della presente, sarò costretto – mio malgrado – ad adire la competente Autorità Giudiziaria, per il persegu

FORMULARIO: MODELLO DECRETO INGIUNTIVO PER RECUPERO T.F.R.

Modello decreto ingiuntivo per il processo del lavoro per recupero TFR (trattamento di fine rapporto) TRIBUNALE DI ... Sezione lavoro e previdenza Ricorso per decreto ingiuntivo Per il Signor Tizio nato a ..., il ..., residente in ... c.f. ... rappresentato e difeso dall'Avv. ... presso il quale è elettivamente domiciliato in ... come da delega a margine al atto, con richiesta di effettuarsi le comunicazioni di Cancelleria a mezzo fax all'utenza n. ... ovvero a mezzo posta elettronica certificata all'indirizzo pec: ... Ricorrente Contro La società ..., in persona del suo legale rappresentante pro tempore, con sede in ..., alla via ..., n. ... Resistente Premesso - L'istante è stato dipendente della società resistente dal ... al ..., epoca in cui veniva licenziato; - Il ricorrente, all'atto del licenziamento, ha maturato un credito al trattamento di fine rapporto (T.F.R.) per Euro ..., non versati dal datore di lavoro;